Sosteniblità, oggetti che derivano da altri oggetti
Sostenibilità,  Tips

La regola delle quattro R

Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare.

(Andy Warhol)

Rispettare l’ambiente è diventato un dovere, qualcosa di necessario, anzi direi indispensabile, per la sopravvivenza del genere umano su questa terra. Eppure c’è ancora chi non è riuscito a cambiare le proprie abitudini.

Questo perché?
Cambiare le abitudini è difficile quando si ritiene che il sacrificio sia troppo grande, non si vogliono dedicare energie a qualcosa di nuovo perché, in fondo, ci troviamo bene anche esattamente nel posto dove ci troviamo. Pensa a quanto è difficile anche solo smettere di mangiare qualcosa che ci piace tanto, ma che sappiamo può essere dannoso per la nostra salute. Figuriamoci aprire un libro, leggere articoli su internet, seguire video interviste o guardare documentari, per diventare più ambientalisti.

Troppa fatica.

E invece io oggi sono qui proprio per dimostrati quanto sia facile questa operazione, perché in fondo la bellezza dell’essere consapevoli e rispettosi dell’ambiente in realtà ci semplifica enormemente la vita.

Ecco quindi la REGOLA DELLE 4 R

RIDUCI:

Una ragazza che utilizza un rasoio in acciaio per eliminare la plastica monouso.
Idea per ridurre la plastica monouso: utilizzare un rasoio in acciaio.



Compra meno. Quante volte me lo sentirai ripetere? Per quanto esigue possano essere le nostre disponibilità economiche, abbiamo tutti spazio nelle nostre case per vestiti inutili, souvenir pacchiani, mobili colmi di oggetti dimenticati, cassetti pieni di quaderni mai aperti, borse fuori moda, utensili da cucina che non si sa neppure come usare.

Comprare meno significa anche gettare meno, riducendo l’inquinamento, così come ridurre l’uso di articoli monouso.

RIUSA:

Una ragazza appoggiata a un muro di pietra che indossa un gonna lunga blu e una maglietta color senape
Idea di riuso: un vestito troppo grande è diventato una gonna con elastico in vita

Usa a fondo ciò che possiedi, impegnandoti a far durare il più a lungo possibile ogni cosa che hai acquistato. E quando non sarà più possibile, prova a dargli nuova vita.

Gli abiti che non usi più o che non ti piacciono possono essere modificati con ago e forbici, internet è pieno di tutorial semplicissimi da poter seguire! Oppure regalali alle associazioni che si occupano di donarli a chi non può permettersi tanti abiti quanti ne abbiamo noi, come ad esempio la Caritas della tua zona.

Riutilizza gli imballaggi più volte. Io ad esempio lo faccio con le buste della spesa (che sono costretta a prendere quando dimentico la mia borsa di stoffa), oppure riutilizzo alcuni barattoli di vetro destinandoli ai prodotti sfusi che compro o alle conserve che preparo.

RICICLA

Gettare il vetro nell'apposito contenitore
Raccolta differenziata con contenitori di vari colori

Questa regola può essere riassunta così: fai la raccolta differenziata.

Ma a questo punto del tuo percorso non puoi limitarti a farla in maniera superficiale: la raccolta differenziata va fatta bene, seguendo le regole, leggendo le etichette, documentandoti su internet su quali siano le regole del tuo comune e dissipare gli eventuali dubbi.

Sapevi ad esempio che gli scontrini non vanno nella carta, ma nell’indifferenziato? Oppure che il cartone della pizza unto d’olio non può essere riciclato? O che puoi gettare i barattoli di vetro senza necessariamente togliere l’etichetta?

RECUPERA

Quando un oggetto non è più utilizzabile ed è arrivato alla fine della sua “vita”, l’opzione migliore è fare in modo che diventi nuova energia o nuovo materiale per produrre qualcos’altro. Questo accade per esempio quando i rifiuti sono utilizzati come combustibile per i termovalorizzatori, oppure quando vengono utilizzati per produrre oggetti totalmente diversi da quelli di partenza.

E’ importante informarsi sulla filiera, sui processi che hanno dato la vita a ciò che utilizzi in modo da evitare i prodotti che sprechino troppa energia nella loro produzione.

Un beauty rosa/rosso da viaggio creato dalla raccolta differenziata delle bottiglie di plastica riciclate, sul lavandino di un bagno
Beauty da viaggio nato da bottiglie di plastica riciclate

Insomma, alla fine non è troppo difficile indirizzare le nostre azioni in modo che rispettino queste 4 semplici regole. E’ più facile a farsi che a dirsi!

E tu? In quali modi riesci a seguire la regola delle 4 R nella tua vita quotidiana? Fammi sapere nei commenti!

Vivo in campagna, scrivo, faccio yoga e cerco di vivere le mie giornate apprezzandone ogni dettaglio. Ho un marito amorevole, un bassotto che sbaciucchierei tutto il giorno, e sono da poco diventata mamma di una bambina nata lontana da me. Amo leggere, soprattutto all'aperto o davanti al camino acceso, e cerco di condurre una vita sostenibile, rispettando la terra che mi accoglie. E condivido su internet ciò che rende la mia vita tanto ricca.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *